Mini Glossario del Marketing e della Comunicazione per gli over 65

Mini glossario del marketing e della comunicazione per gli over 65

E’ sempre difficile spiegare il mio lavoro a mia mamma, ad esempio. Inizialmente mi sforzavo, cercavo di motivare e raccontare, poi ho smesso. E credo si sia rassegnata anche lei. Mi sembra di immaginarla vacillare alla domanda di una amica “Ma cosa fa tuo figlio?”. “Ah non l’ho mica capito, lavora con il computer!

Questo vuole essere un mini glossario sul marketing e sulla comunicazione (in chiave ironica, ovviamente) per gli over 65. Vediamo insieme un po’ di parole.

ADVERTISING

Sei sul divano, stai guardando il tuo film preferito in prima serata (quando ancora la prima serata era verso le 20.30). Siamo nel momento clou, quando… “Ambrogio, avverto un leggero languorino!”. Ecco, questo è advertising.

BLOG

Per capire bene cos’è un blog, basterebbe andare al mercato. Proprio quello rionale, dove ci sono tantissime bancarelle, alimentari e no. Di solito si svolgono nel cuore delle varie città e rappresentano proprio un pezzo di storia. Sicuramente non trovi tutta la scelta di un ipermercato, ma di certo puoi “respirare” l’anima rappresentata dalla gente che li rende vivi, esaltandone la tradizione.
Camminando tra le bancarelle, puoi sentire due persone che parlano della partita di calcio della sera prima (categoria SPORT), imbatterti in due signore che parlano di cosa cucinare per pranzo ai rispettivi mariti (categoria CUCINA), ecc ecc.

Nei blog-mercati, ci sono anche i banner: le “urla” di alcuni venditori richiamano l’attenzione dei passanti decantando le qualità dei loro prodotti o le offerte della giornata, a volte anche in dialetto sono veri e propri banner!

Un blog è un diario, magari organizzato e diviso in categorie, dove non necessariamente si deve essere commerciali, anzi è un’occasione per raccontare qualcosa da un punto di vista più confidenziale ed informale. Ti concedo giusto un banner che rimanda al sito ufficiale!

CTR (Click Through Rate)

Allora, ricordi il venditore / banner di prima? Bene, immagina che ci siano 10 persone davanti alla bancarella che ascoltano il suo “Comprate signore, offerta del giorno, 1 paio di calze 5 euro, 3 paia 10 euro!”. E ben 8 persone, dopo aver ascoltato il suo messaggio, decidano di comprare i suoi prodotti.
Bene, il numero di persone che acquistano diviso per il numero di persone che hanno ascoltato il messaggio è proprio il CTR (in percentuale)! In questo caso, l’80%!

DATABASE

Un database è il quadernino con le ricette che avevano tutte le nostre nonne.
Poco importava poi cosa ci fosse scritto, perché loro poi facevano ad occhio. Eh, bei tempi… ora c’è GialloZafferano 🙂
Tante informazioni raccolte, archiviate ed organizzate in dati.

E-COMMERCE

Spiegare cosa sia un e-commerce è molto semplice, l’esempio del mercato rionale calza a pennello! Anzi, un mercato è già l’equivalente di Amazon o Alibaba, ossia grandi marketplace con tanti prodotti. Dalle macchine, alle lavatrici, passando per abbigliamento e prodotti per l’ufficio. Nella maggior parte dei casi, un e-commerce è facilmente identificabile in un negozio fisico, con tanto di carrello e cassa.

FIDELIZZAZIONE

Mia mamma va a comprare la carne sempre dallo stesso macellaio. Ce ne sarebbero altri più vicini a casa, ma lei si ostina ad acquistare sempre nello stesso posto. Perché? Perché la carne gliela taglia come vuole lei, perché è sicura che sia fresca, perché spesso chi ci lavora può dare dei consigli, perché le regalano un panettone a Natale o la mimosa per la festa della donna… Niente da aggiungere, mia mamma è un cliente fidelizzato!

GOOGLE

Credo che questa parola la conoscano anche i più grandi, è il motore di ricerca più utilizzato al mondo. E’ finito nel linguaggio comune, quando si cerca qualcosa (qualunque cosa), lo si chiede a Google! Peccato che spesso venga utilizzato anche per scoprire di quale malattia stiamo morendo semplicemente partendo da come curare le placche per la gola.

INFLUENCER

Hai presente quando un gruppo di amiche si ritrova in casa per la presentazione delle nuove spugne miracolose? Sì, quelle che con una passata tolgono calcare, sporco ostinato ed anche l’epidermide? O quando c’è la presentazione del nuovo modello del robot da cucina che ti consentirà di fare toast, pizzette e cibi prelibati ed arriva la signora Maria che dice ad alta voce “l’altro giorno sono andata a comprare il pesce dalla cugina della Cesira… era buonissimo e freschissimo!”. Maria è una influencer!
Una vera opinion leader in grado di raggiungere un bacino di utenti interessati ad una tematica concreta.

LOCATION

Questa non va spiegata, il buon Alessandro Borghese ci ha già ampiamente aiutati. “Dieeeeesci”.

MAILING LIST

Forse non è chiarissimo il concetto di mailing list, ma è l’equivalente della rubrica telefonica, ma con gli indirizzi email. La rubrica telefonica è conosciuta da tutti.

NETIQUETTE

Questa è facile, è quella cosa che manca sempre di più: la buona educazione!
“Galateo della rete” o “le regole di internet”, chiamiamolo come vogliamo, ma ci siamo capiti.

OPEN SOURCE

E’ come quando inventi una ricetta e la metti a disposizione dei tuoi vicini di casa affinché possano migliorarla!
Uguale con un software, dove il codice viene reso pubblico e modificabile da tutti.
Ok, però nella carbonara niente cipolla, eh?

PR (Public Relations)

Le attività di pubbliche relazioni erano più semplici una volta! Si andava al bar o in piazza e si faceva tutto li. Ora invece tra i mille social, i blog, gli articoli redazionali, gli influencer… Altri tempi.

RETARGETING

Immagina di essere ad un concerto, nel parcheggio fuori dallo stadio. Il solo fatto di essere li, di aver “visitato” il parcheggio di questo evento ti obbligherà a dover affrontare i bagarini ogni 10 metri che, con una insistenza degna di una zanzara in piena estate, ti proporranno offerte incredibili per il tuo concerto preferito!

SPAM/SPAMMING

E’ domenica mattina, dopo una lunga settimana lavorativa sei nel letto. Dormono tutti, incredibilmente anche i bambini. Ma ad un tratto suonano al citofono! Fai finta di non aver sentito. Ma suonano di nuovo.
A quel punto ti alzi, pensando, anzi sperando, che ci sia una persona che ha bisogno di una mano, magari ha bucato e non sa come fare.
Deambuli fino al citofono e con un filo di voce:

  • Chi è?
  • Buongiorno! Stiamo cercando delle persone dove trovare conforto…………….

Si, sono loro. I testimoni di Geova. Ecco, lo spam.

TONO DI VOCE

A volte sarebbe bello fare come i bambini che si comportano nello stesso modo sia davanti al presidente della Repubblica che davanti ad un amichetto dell’asilo, ma purtroppo, nel marketing e nella comunicazione non si può fare. Bisogna crescere, capire chi si ha davanti, chi sono i destinatari dei nostri messaggi e tarare il tono di voce in base agli obiettivi.

USER

Italia ci sono quasi 60 milioni di user… oddio, no, ho un pelo esagerato. Però sono 42,7 milioni, pari al 70,5% della popolazione dai 2 anni in su, gli italiani che si sono collegati a internet nel mese di Settembre 2018 (fonte Audiweb). Direi che sono tanti!

VIRAL MARKETING

Ormai la parole “virale” è diventata di uso comune, non credo vada spiegata.

ZURPA

Dulcis in fundo… Con la Z c’è una parola che non è molto inerente al marketing o alla comunicazione, ma in Retorica la usiamo spesso: zurpa.
Però non chiedetemi i dettagli, non qui, perlomeno!

Tutto chiaro? Avete altre parole per il nostro glossario?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *