I colori nella grafica

La psicologia e il loro significato

I colori nella grafica

La vita è fatta di colori, questi possono essere associati a momenti speciali oppure usati per descrivere degli stati d’animo o espressioni, si pensi per esempio al detto “essere al verde” o “vedere tutto nero” oppure avere voglia di “zucca gialla” (forse quest’ultimo modo di dire è più delle nostre parti!), sono tutte estremizzazioni del gergo quotidiano che servono a rendere l’idea di ciò di cui si sta parlando e a rimarcare un concetto.

L’importanza dei colori

I colori sono importanti, anzi non possiamo fare a meno di loro, scandiscono le stagioni e le nostre giornate.
Tra i vari ambiti di utilizzo, i colori rivestono un ruolo fondamentale nella definizione della brand identity, andando a caratterizzare l’immagine e contribuendo a identificare l’azienda, determinando un punto di forza e di riconoscimento del brand.

L’obiettivo anche attraverso l’uso dei colori è quello di essere unici e distinguersi dai propri concorrenti. Individuando la giusta combinazione di colori ci sono maggiori possibilità di attirare l’attenzione.
Il colore infatti ha il magico potere in pochi secondi di attrarre l’utente e catturare la sua attenzione, ma non finisce qui, perché anche attraverso la scelta di un colore si trasmette un messaggio.

Ma quali sono i fattori che portano alla scelta di un colore?

Quando si progetta una brand identity oppure anche una semplice grafica è necessario prestare molta attenzione alla scelta del colore, questo perché come già detto, ogni colore ha un significato ben preciso e ci deve essere corrispondenza tra il messaggio che si vuole trasmettere e il colore scelto per enfatizzare questo messaggio.
Per questo motivo gioca un ruolo fondamentale la psicologia del colore che aiuta a capire meglio quale sia il colore da utilizzare nelle diverse situazioni.

Cos’è la psicologia del colore?

La psicologia del colore oggi riveste un ruolo fondamentale nelle strategie di marketing e soprattutto nel neuromarketing. Grazie a questa è possibile capire in quale modo l’utente reagisce agli stimoli dei diversi colori e quindi individuare quello più adatto per il brand o per la comunicazione.

La psicologia del colore riguarda gli aspetti che influenzano la mente e le emozioni.
La scelta di un colore ha il potere di suscitare un certo tipo di emozioni nelle persone, ad esempio sensazioni di benessere e sicurezza. Alcuni aspetti della psicologia del colore sono anche legati alla simbologia che questi rivestono e ai ricordi ai quali sono associati.

Ma la scelta del colore è un aspetto che riguarda anche la mente. Il colore infatti stimola il cervello, quando l’occhio percepisce un colore manda degli stimoli al cervello che li recepisce in pochissimi secondi, per questo motivo è importantissimo catturare l’attenzione dell’utente in modo tempestivo.
La scelta dell’utente di un preciso prodotto o di un brand, è dettata anche dal tipo di colore scelto, circa il 90% delle interazioni tra brand e utente sono determinate dalla scelta del colore utilizzato.

La scelta del colore è strettamente legata al marketing, soprattutto quando si parla di brand identity e di promozione del prodotto/servizio. Per questo la psicologia del colore ricopre un ruolo molto importante, perché spiega come la scelta di un colore possa in qualche modo influenzare le azioni delle persone e il loro modo di pensare.

Qual è il colore giusto?

Dal momento che l’attenzione dell’utente durante la scelta di un prodotto o di un brand ricade in primis sull’emotività e sulle sensazioni che il colore scaturisce in lui, diventa fondamentale individuare il colore giusto.
Ogni colore risponde a significati e dinamiche ben precise, per tale ragione deve essere utilizzato nel modo più appropriato.

Ma prima di aver individuato il colore che rappresenta il brand ci sono una serie di numeri che può essere utile conoscere.

Quali colori utilizzati dai principali brand di successo?

  • Blu 33%
  • Rosso 29%
  • Nero 28%
  • Giallo 13%
  • Inoltre i brand che utilizzano due colori sono il 95% contro il 5% di quelli che ne utilizzano di più.

Il colore nella brand identity

La definizione della brand identity di un’azienda è oggi indispensabile. Tra gli aspetti da considerare in fase di creazione, c’è anche il colore che funge da collante tra l’identità aziendale e il suo marchio, per ottenere la giusta riconoscibilità sul mercato.
Un’azienda deve ispirare fiducia ai propri clienti, sicurezza e affidabilità e anche con la scelta del colore più adatto a trasmettere i suoi ideali e valori può contribuire a creare quell’unicità che la differenzia dai suoi concorrenti.

I colori e i loro significato

Il cervello tende ad associare ai colori delle emozioni e degli stati d’animo. La percezione del colore è strettamente personale, ma ciò che influisce su essa è anche la tipologia di colore scelto. È necessario dunque fare una distinzione tra colori caldi e colori freddi.

I colori caldi, sono definiti in questo modo perché secondo il pensiero comune sono spesso associati a situazioni o elementi di calore come il sole, il fuoco, l’amore. Comprendono tutte le sfumature di rosso, arancione, giallo, fino ad arrivare al rosa e al fucsia. Questi sono utilizzati nella comunicazione per suscitare emozioni vive, attive e cercare l’interazione con l’utente.

Mentre rientrano tra i colori freddi quelli che vengono associati a situazioni fredde, climi rigidi oppure al mare o al cielo, qui abbiamo i colori e le sfumature che vanno dal verde fino blu, passando anche dal viola. I colori freddi sono usati nel mondo della comunicazione per trasmettere messaggi di sicurezza e fiducia, privilegiando dei toni pacati.

Ma vediamoli nel dettaglio.

Bianco

Il bianco è stato spesso associato al concetto di purezza, ma rappresenta anche la perfezione, è sinonimo di eleganza ed è considerato il colore non colore per eccellenza in quanto ottenuto dalla somma ottica dei colori primari. Molto utilizzato anche in ambito religioso.
Questo colore è utilizzato in situazioni che necessitano di una comunicazione chiara, lineare e pulita, indica raffinatezza e semplicità allo stesso tempo.

Rosso

Il colore caldo per eccellenza, è vivo, rappresenta il calore, la passione, l’amore, la forza d’animo, il sangue, ma è utilizzato anche per indicare pericolo, urgenza, allarme e attirare l’attenzione nelle segnaletiche.
Nella comunicazione viene usato per dare maggiore visibilità a messaggi, promozioni oppure call to action.

Arancione

L’arancione è il colore che rappresenta l’entusiasmo, la positività, da colore alle idee, non a caso è dato dall’unione di rosso e giallo, è vivace e stimola la creatività delle persone.
Si tratta di un colore estremamente energico, nella comunicazione è utilizzato per stimolare l’utente, dare risalto a particolari contenuti e soprattutto per cercare l’interazione con l’utente attraverso le call to action, cercando dunque di stimolare le persone a compiere particolari azioni.

Giallo

Anche il giallo come l’arancione è un colore vivo, che produce energia e calore (è il colore del sole), legato alla sfera della creatività e dell’attività intellettuale (non a caso l’abbiamo scelto per Retorica!), rappresenta l’estro. Spesso utilizzato per catturare l’attenzione, in ambito grafico viene scelto per la segnaletica e per messaggi pubblicitari che devono ottenere una certa visibilità.

Rosa

È un colore che agisce sul sistema nervoso rilassandolo. Spesso associato all’universo femminile, rappresenta la gentilezza e la morbidezza.
Nelle sue gradazioni di rosa più intenso tendente al fucsia, il suo significato assume dei toni più marcati e decisi, rappresentando ottimismo e serenità.

Verde

Parlando di verde si pensa subito alla natura, è l’associazione più immediata e spontanea. Ma oltre a questo rimanda anche al mondo della salute e del benessere, rappresenta la giovinezza e la pace. Se il verde chiaro, dal tono leggero rispecchia dei sentimenti positivi e freschi, tonalità più scure invece vengono associate al denaro e al mondo finanziario.
Nella comunicazione è molto utilizzato (soprattutto in questi tempi) per temi legati all’ecosostenibilità e al riciclo, ma ne viene fatto anche un valido utilizzo in ambito grafico nelle call to action, quelle che devono essere facilmente visibili.

Azzurro

L’azzurro è il colore del cambiamento, molto utilizzato nella comunicazione. Questo colore è associato alla salute, alla meditazione e anche alla creatività.

Blu

È il colore per eccellenza che trasmette quel senso di fiducia tanto ricercato dall’utente, è il colore del mare e probabilmente è per questo motivo che viene associato anche a situazioni tranquillità e armonia. Anche il blu è associato all’intelletto, rappresenta la verità, l’intelligenza e la saggezza.
Probabilmente è proprio per il senso di fiducia che trasmette che è il colore più utilizzato dalle imprese nella definizione delle propria brand identity.

Viola

Il viola è legato alla sfera spirituale, rappresenta la saggezza, la magia, il lusso e la nobiltà.
Si tratta di un colore utilizzato in ambito cosmetico e spesso associato al concetto di bellezza.

Grigio

Viene definito un colore neutro, che facilmente si abbina a tutti i colori nelle sue più varie sfumature. Viene utilizzato spesso abbinato a colori più forti per dare loro maggiore visibilità oppure come sfondo per creare contrasto e dare risalto a immagini e contenuti.

Nero

È spesso associato a concetti negativi, legato al buio, al male, alla morte e al mistero.
Ma non scaturisce solo emozioni negative, infatti il nero viene anche legato all’idea di forza, potere, ma anche lusso, eleganza e perfezione.

 

Sei arrivato fino a qui?

Se vuoi approfondire l’argomento colore per individuare quello più adatto a rappresentare la tua brand identity allora ti suggerisco di leggere anche l’articolo su come scegliere una palette colore!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *